Lavora con noi
29 ottobre 2019 – Presentato alla stampa il progetto di restauro del GES-2 che ospiterà il nuovo sito della V-A-C Foundation a Mosca (Russia).  | Milan Ingegneria

Alla presenza del sindaco di Mosca Sergeij Sobianin, del capo del dipartimento della Cultura di Mosca, Alexander Kibovsky e delle massime autorità, Renzo Piano ha spiegato il progetto per il recupero di GES-2, la centrale termoelettrica oggi abbandonata, fatta costruire dallo Zar Nicola II nel 1907 sull’ isola della Moscova, nel quartiere ribelle “Ottobre Rosso”, per riscaldare e alimentare il Cremlino.

L’intervento sarà possibile grazie all’impegno della fondazione VAC di Leonid Mikhelson, CEO di Novatek, colosso degli idrocarburi, e all’impegno di Teresa Iarocci Mavica, Direttrice della fondazione. 

Milan Ingegneria ha sviluppato il progetto delle strutture con particolare attenzione al recupero delle preesistenze da conservare. 

Quarantamila metri quadrati con vista sulla Moscova destinati a gallerie, biblioteche, sale per concerti, residenze per artisti, play-house, laboratori, coffee house e un grande giardino con 624 betulle.

La struttura, racchiusa in un quadrato di 142 metri di lato, ispirato al Quadrato nero di Malevich, sarà il più grande museo d’arte contemporanea dell’intera Russia e aprirà in autunno 2020. 

Un progetto straordinariamente ambizioso, uno spazio per la produzione di cultura contemporanea che non sarà solo un museo, un auditorium o una sala di proiezioni, ma un laboratorio in cui l’arte diventerà cosa viva, da fabbricare, da produrre, da diffondere nel mondo: un vero e proprio spazio sociale, dove la gente si possa incontrare e avvicinare all’arte. 

Vai alla scheda progetto

Per saperne di più:

https://ilgiornaledellarchitettura.com/web/2017/11/29/ges-2-step-1-se-una-mattina-dottobre-a-mosca/