Il nuovo percorso di visitazione del Museo delle Civiltà rientra nel Piano strategico “Grandi Progetti Beni Culturali” del Ministero come intervento di rilievo nazionale.

La riorganizzazione del Museo, firmata da Isolarchitetti, prevede la razionalizzazione delle funzioni, dei percorsi e delle sezioni espositive e l’incremento degli spazi dedicati allo studio e alla ricerca con l’obbiettivo di trasformarlo in un vero e proprio polo di attrazione culturale locale, nazionale e internazionale.

Il Museo delle Civiltà nasce nel 2016 con l’accorpamento di quattro musei nazionali: il museo preistorico etnografico “Luigi Pigorini”, il museo delle arti e tradizioni popolari “Lamberto Loria”, il museo dell’alto Medioevo “Alessandra Vaccaro” e il museo d’arte orientale “Giuseppe Tucci”. A questo si aggiunge la collezione dell’IsIAO, Istituto italiano per l’Africa e l’Oriente, e il deposito dell’IsMEO, Istituto italiano per il medio ed estremo Oriente, facendo della nuova istituzione uno dei grandi musei internazionali che valorizzano le testimonianze su identità e memoria dell’uomo.

La sede del museo è il “Palazzo delle Scienze” progettato in occasione dell’Esposizione Universale Romana del 1942 dagli architetti Luigi Brusa, Gino Cancellotti, Eugenio Montuori, Alfredo Scalpelli, coordinati da Marcello Piacentini.

Milan Ingegneria si occuperà della Progettazione Strutturale e del Coordinamento della Sicurezza.

http://www.museocivilta.beniculturali.it/component/acymailing/mailid-81.html?key=yT6Xgdpk&subid=-&tmpl=component