Padiglione Granarolo per Expo 2015, Milano (Italia)

L’Expo 2015 è organizzata sui temi “Nutrire il Pianeta” e “Energia per la Vita” includendo tutto ciò che riguarda il mondo dell’alimentazione. Lo stand del Gruppo Granarolo si propone di creare un percorso interattivo sui temi legati al latte dal punto di vista dell’enogastronomia e della tradizione, ma anche in termini storico-artistici e culturali.
Il latte, alimento primario per eccellenza, è sempre stato associato nel passato al tema della vita, della nascita e della maternità. Lo spazio dedicato da Granarolo a questo alimento offre un viaggio nella storia e nel mondo della preziosa produzione di derivati del latte che fanno parte della migliore tradizione alimentare Made in Italy. L’Area degustazione rappresenta il “core” del padiglione e mostra come le caratteristiche della filiera produttiva di Granarolo siano fortemente orientate all’eccellenza qualitativa. Milk&fun, Milk for life, Milk Heritage e Milk Show sono le aree tematiche che si sviluppano lungo il percorso espositivo tra cilindri, distributori, schermi “touchscreen”, proiezioni e giochi interattivi.

L’allestimento di Mario Cucinella prende forma come galassia artificiale, ispirandosi all’immagine della via Lattea, come strumento per organizzare il percorso espositivo. Le diverse aree tematiche si sviluppano all’interno del padiglione che diventa una cavità costituita da strati sovrapposti di membrane semi trasparenti, tese su un sistema di profili di alluminio, secondo geometrie curvilinee. Lo spazio espositivo è provvisto di tre ingressi e due uscite differenziate tra loro, cercando di evitare restringimenti del percorso che potrebbero interrompere il flusso dei visitatori.
La struttura, a basso impatto ambientale, è realizzata con materiali riciclati e riciclabili. Il progetto è stato pensato con l’intento di “decostruire, piuttosto che demolire” utilizzando sistemi costruttivi a secco.

Committente

Granarolo SpA

Data

2015

Importo

€ 224.000

Progetto

Mario Cucinella Architets Srl con ILTEC, IDF e Studio Raff Srl