S.Maria Goretti a Mormanno, Cosenza (Italia)

Nel 2011 la Conferenza Episcopale Italiana ha indetto un concorso per i progetti pilota di tre chiese, una delle quali da realizzare a Mormanno (CZ). Il progetto vincitore porta la firma di Mario Cucinella con Giuseppe Maraniello per gli aspetti artistici e Don Zuffi per la liturgia. L’iniziativa rientra nell’ambito di un’importante operazione che la Chiesa Italiana sta intraprendendo per promuovere la qualità dell’architettura ecclesiale. Per raggiungere l’obbiettivo prefissato la CEI bandisce concorsi su questi temi già dal 1998, secondo una formula ben precisa, ripetuta per sei edizioni, fino all’ultima del 2012.

Il bando prevedeva la progettazione della Chiesa e del complesso parrocchiale che il progetto vincitore sviluppa in due parti: una piastra formata da differenti volumi che gravitano attorno a un patio e il corpo dell’aula liturgica vera e propria che emerge come oggetto architettonico unico. Il primo blocco verrà realizzato con tecniche costruttive tradizionali, telai e solette in c. a. e tamponamenti in laterizio intonacato. Il nucleo centrale attorno, il patio, funge da controvento e si sostanzia con setti in c. a.. La copertura sarà realizzata con un tetto verde coltivato.
Gli spazi comuni, che si articolano attorno alla corte interna, sono caratterizzati da pareti vetrate con ampia vista sulla vallata, di conseguenza la qualità degli infissi sarà un fattore determinante per la garantire la qualità architettonica complessiva.

Il corpo della chiesa sarà invece realizzato con murature in calcestruzzo armato lasciato a vista con copertura in legno lamellare. La finitura esterna e lo studio dei giunti dovranno essere curate con particolare attenzione, onde rendere adeguato il risultato finale in relazione alla rappresentatività del luogo. L’isolamento termico verrà assicurato dall’inserimento di uno strato isolante all’interno della parete in c. a.

Non verrà realizzata una vera e propria torre campanaria, bensì campane a vela, incastonate nella parete della Chiesa e nascoste da una parete in muratura. La manutenzione sarà garantita attraverso scale di accesso alla copertura.

Dal punto di vista distributivo la Chiesa si compone di un aula centrale su cui si aprono cappelle laterali ospitanti i differenti poli liturgici, mentre nelle zone interstiziali fra i due setti murari sono posizionati gli spazi di servizio.

Gli edifici sono stati pensati seguendo i principi del risparmio energetico di tipo passivo: ventilazione e illuminazione naturali, limitando al minimo il ricorso agli impianti meccanici.
Per la chiesa si prevede un involucro massivo altamente isolato con dispersioni termiche ridotte al minimo consentendo la certificazione in classe energetica A, mentre per il complesso parrocchiale si prevede la certificazione in classe energetica B.

Committente

Conferenza Episcopale Italiana

Data

2012 – In corso

Importo:

n. d.

Progetto

Mario Cucinella Architets con Giuseppe Maraniello e Don Amilcare Zuffi